BREVETTO LETTO VIAGGIANTE

The Floating Bed, Janjaap Ruijssenaars

 

Ho capito cosa manca alle tecnologie di oggi.

Poesia e sogno possono vendere più del design, perché non ci pensano questi di Apple o di BMW?

Prendiamo i mezzi di trasporto.

Sono da sempre protagonisti di progetti d’avanguardia, roba intorno alla quale studiano architetti famosi e ingegneri con la montatura degli occhiali di Philip Stark.

Eppure alla domanda “come vorresti che ci si muovesse, tra 50 anni?” , io rispondo senza ombra di dubbio:

Con un grande, fottuto letto a baldacchino.

Ho in mente vari modelli a disposizione: c’è l’imbottito invernale, per essere sempre a tuo agio come fossi in casa dopo la sbronza, avvolto in morbide coperte naturali.

La testiera con confortevole tavolino da viaggio con boiler, infusioni e tazze per 4.

C’è il futon per la stagione estiva, con tele di lino bianco su tutta la struttura per filtrare i raggi solari.

Chiaramente il futon è anche in versione gonfiabile, per le escursioni fuori Letto.

Per quanto riguarda le dimensioni, ho in brevetto un solo modello al momento : 2 piazze e 1/2, può piacervi?

Si viaggia al di sotto delle nuvole con il tetto di vetro infrangibile, ultra leggero su tutto il baldacchino.

Ai lati abbiamo la possibilità di tirare sù e giù i finestrini, manco fossi su una Cadillac.

Il letto viaggiante può alzarsi da terra fino a 100 metri e raggiungere velocità a seconda dei modelli, anche oltre i 200km/h.

Dotato di radar e pilota automatico, il letto viaggiante raggiunge qualunque posto attraverso energia solare a pannelli.

Parcheggi sui tetti o atterri direttamente in spiaggia senza affittare ombrelloni e lettini sudati.

Con il letto viaggiante puoi andare a fare la spesa ( le corsie dell’ Auchan lo consentono) e portare Fuffy al parco, senza bisogno di metterti scarpe e giacca.

Scegli il modello 4 ruote motrici se sei un tipo avventuroso e ti piace organizzare picnic o scampagnate con la fidanzata.

Oppure regalati il modello con scafo montabile se ami andare in ufficio via fiume.

Se esiste l’autoradio, perché non il maxi impianto Bose ai lati della struttura letto?

Munito di passaporto, te ne vai il venerdì sera a Marrakech col tuo letto viaggiante, passando a razzo sull’Etna perché le coperte sono tutte ininfiammabili.

Aria di mare sorpassando gli aliscafi a Tangeri.

I bagagli, nell’apposito vano, sotto il materasso.

E l’intimità non è un problema con gli oscuranti: vedi fuori, gli altri non ti vedono ed il tuo Letto Viaggiante è perfettamente insonorizzato.

Proprio come il tuo Phanton, anche il tuo Letto Viaggiante ha svariate possibilità di modifiche che si possono effettuare per potenziarne velocità e tenuta di vento.

Rimani in pigiama tutto il giorno e senza muoverti dal tuo soffice Letto Viaggiante puoi fare shopping, andare alle terme e rimetterti sotto le coperte ancora sudato dal bagno turco.

E tornartene a casa già praticamente in fase REM.

Un paio di optional per i più golosi: braccio di sostegno per tv al plasma frontale, specchio montabile sul tetto rinforzato per coppie in viaggio di nozze e minibar con set per preparare drinks.

Bedknobs and Broomsticks, 1971

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...